sabato 18 giugno 2016

Viaggiare in prima classe

Io e il nonno Garigliano stiamo percorrendo l'A1 e questa lunga linea di asfalto sta diventando il nostro DNA di racconti incrociati... tra punte di Giuseppe Piermarini nelle fila degli avi paterni e più modeste mutazioni genetiche da parte mia. 
Stiamo viaggiando comodi su una mercedes (un appunto per i ladruncoli da autogrill: lasciamo la macchina aperta con le chiavi nel cruscotto - scrivetemi in pvt) e ce la spassiamo. 
Thelma & Louise sono due collegiali che bigiano scuola a confronto. 
Ascolta - con la curiosità di un bambino e il divertimento di un nonno - i racconti su Sofia. 
Chissà che cosa si prova ad avere solo un nipote al mondo, chissà se è la stessa sensazione unica mista ansia dell'avere un figlio solo. 
Lo ascolto registrando ogni sua pausa e inflessione quando mi racconta di lui bambino e lo Smeraldo era un cinema varietá e ci stava dentro ore fino a sera tardi... Di quando sua mamma lo faceva cercare dal fidanzato della figlia della custode che era in polizia e arrivava l'attore del varietà sul palco recitando "ci giunge voce che ci sia un ragazzo di nome Garigliano... Garigliano l'hai visto abbastanza sto film, vai a casa". 
Ridiamo come cretini quando gli chiedo se ha un account gmail perchè me lo sta chiedendo il suo google maps e lui inizia a cercare in tasca... No, l'ha lasciato a casa. 
Mi dà grandi soddisfazioni quando incalza con "fammi un esempio di video virale" e dopo un minuto mi racconta di quando gli rubarono la Honda chiedendogli come riscatto "due gambe" e lui si scusó - da signore quale è - perchè non sapeva dove recuperare due gambe.... e di chi, poi? 
Anche il traffico non ci disturba, anche sbagliare indicazioni non ci scompone. 
Anzi. Ci stiamo organizzando per il prossimo viaggio. 
Per ora abbiamo scelto la macchina. 

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...